news

Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Vivere con i tassi bassi

E già, i tassi bassi: vivere, convivere, sopravvivere, è un bel rebus.

Vogliamo qui proporvi una riflessione sui tassi negativi dal punto di vista operativo: cosa deve sapere e cosa può fare un investitore se in rendimento della obbligazione che ha in portafoglio diventa negativo?

Tasso di rendimento effettivo netto a scadenza negativo significa che in quell’investimento gli utili derivanti dagli incassi periodici delle cedole non compensano le perdite che conseguirà in linea capitale.

Procediamo con un esempio, per cercare di valutare la situazione e le conseguenze.

Prendiamo il BTP 1/9/2021 4,75% che oggi (23/9/19 – con valuta 25/9/19) posso comperare a 109,50 con un rateo netto di 0,27404; questo significa che, se ne compero € 10.000 di nominale, spendo € 10.977,40.

Che cosa mi garantirà questo acquisto? Riceverò semestralmente (1/3/2020 – 1/9/2020 – 1/3/2021 e 1/9/2021) un accredito per gli interessi netti di € 207,81. In totale, nel corso dei prossimi due anni prima della scadenza del titolo, incasserò € 831,25 di interessi.

Alla scadenza del titolo, poi, l’1/9/2021, riceverò il rimborso del capitale investito: € 10.000, con una perdita di € 977,40

Complessivamente, quindi, l’investimento effettuato oggi mi genererà una perdita di € 146,15. Facciamo molta attenzione: la redditività dell’investimento in un’obbligazione non viene data dalla cedola che incasseremo (nel nostro esempio il 4,75% annuale lordo), bensì da questa e dalla differenza tra prezzo pagato e rimborso incassato (nel nostro caso 109,50 + rateo interessi pagati e 100 incassato). Con tassi negativi il rendimento immediato (rapporto tra cedola e prezzo) è aberrante, perché dimentica in effetti la perdita in linea capitale.

Morale della favola: i tassi negativi saranno anche interessanti per l’economia in generale, ma per la mia economia non sono certo favorevoli: meglio la liquidità oppure meglio alternative di investimento che riescano a generare interessi almeno positivi.

Scritta il 23/09/2019